Via Gavinana 6
21052 Busto Arsizio
Tel: 0331/634132
Fax: 0331/679422
C.f. CNDNRC65H21B300S
P.Iva: 01606100129

Pagina Principale
Lo staff
Materie Trattate
Chi siamo
Utilità - Iscrizioni - Area Riservata
Articoli anno 2012

Diritto di autore americano e software 3, 4 2012
Affidamento figli e litigiosit 30, 3 2012
Morte nonni e danno morale 19, 3 2012
Matrimoni e famiglie omosessuali 19, 3 2012
Casa coniugale, separazione e revoca della assegnazione 19, 2 2012
Abitabilit mancanza - vendita - prescrizione 17, 2 2012
Fotovoltaico, finanziamento e garanzie 16, 2 2012
1, 1 1970
hanno visto questa sezione:
visitatori dal 1 gennaio 2010
.

Diritto di autore americano e software



Responsabilit dello sviluppatore software e obblighi verso i datori di lavoro


Premessa: il parere da ritenersi puramente indicativo. Linserimento nei terms of agreement consigliati qui di seguito, dovranno concordarsi con un avvocato esperto in diritto dellinformatica americano.

Quesito 1 La vendita e lo sviluppo di software pu essere fonte di responsabilit? In quali modi, e con quali clausole contrattuali essa pu essere preventivamente limitata?

Come la vendita di qualunque altro bene, anche il software (che lo si voglia considerare come bene immateriale, servizio, o bene fisico) pu essere fonte di eventuali danni in capo allacquirente, e di conseguente vendor liability, o responsabilit del venditore. Seguendo una dicotomia rinvenibile anche nei sistemi di civil law, come il nostro, anche nel sistema di common law americano, gli eventuali danni possono riguardare sia il versante delle contract theories responsabilit contrattuale (es. lacquirente del software potrebbe lamentare che eventuali bug rappresentano breaches of contract, inadempimento del contratto) sia delle tort theories responsabilit extracontrattuale (es. lacquirente potrebbe lamentare danni nei confronti del venditore/sviluppatore del software, derivanti da misrapresentation fraudolenta rappresentazione delle caratteristiche del software, negligence negligenza nello sviluppo del software, professional malpractise).
Nonostante sia impossibile escludere o limitare in radice la responsabilit dello sviluppatore/venditore del software, nondimeno possibile linserimento allinterno del contratto di licenza di alcune clausole utili a limitare la portata di tale responsabilit. Si deve far notare che le corti americane sono solite valutare con criteri diversi e spesso contrastanti la legittimit e lefficacia di queste clausole. Esse possono essere cos schematizzate:
- Warranty Desclaimer mediante la quale il venditore dichiara di non ritenersi responsabile per eventuali difformit delle prestazioni del software non espressamente definite allintero del contratto.
- Limitation of remedies mediante la quale il venditore dichiara che, in caso di difetti del software, gli unici rimedi possibili per lacquirente consistono nella sostituzione del software difettoso, o nel rimborso di quanto pagato per lacquisto.
- Limitation of liability mediante la quale il venditore si dichiara non responsabile per alcune categorie di danni che astrattamente il software potrebbe procurare in rapporti terzi ed esterni (ad es. danni consequenziali o incidentali)
- Integration clause mediante la quale il venditore dichiara che tutti gli accordi fra egli e lacquirente del software sono contenuti nel presente contratto di licenza, evitando cos che eventuali accordi presi esternamente a detto contrato possano essere considerati fonti di responsabilit.
- Standards of care con particolare riguardo ai casi dei torts of negligence o torts of professional malpractice buona prassi interire allinterno del contratto quelli che sono gli obblighi del venditore in relazione a problemi che potrebbero insorgere con luso del software (es. il tempo in cui egli rimane obbligato al bugs fixing, o il livello e le modalit di supporto garantito al cliente), cos da evitare di poter essere tacciato di negligence o di malpractice.

Quesito 2 La creazione del software mediante competenze acquisite sul posto di lavoro legittima il datore a rivalersi sui miei utili?

La risposta a questo quesito non pu essere univoca. Si deve aver riguardo del fatto che il know how del datore sia o meno coperto da patent (brevetto) o meno. Nel qual caso, per utilizzare il know how nella realizzazione del software servirebbe una licenza da parte del datore. Nel caso in cui, invece, tale know how sia rappresentato unicamente da competenze generiche ed universali, certamente nulla potr essere opposto dal datore di lavoro.
Si segnala, in ogni caso, la recente modifica alla legge regolatrice della propriet intellettuale negli Stati Uniti. Con la cd. Leahy-Smith America Invents Act del 2011, si sono introdotte, fra le altre, due previsioni di estremo interesse per il brevetto, fra laltro, anche dei software:
- passaggio dal modello first to invent al modello first to file - in caso di contrasti circa la paternit di due brevetti contemporanei ed identici/simili, la tutela verr accordata al soggetto che abbia per primo provveduto alla registrazione dello stesso.
- Istituzione delle cd. Micro-entities I soggetti individuali che dimostrino un reddito annuo inferiore a tre volte il reddito nazionale medio e che vogliono brevettare una propria invenzione, hanno il diritto al riconoscimento dello status di micro-entities, con conseguente sgravio fino al 75% dei costi di registrazione del brevetto.

Dottor Marco Galli


I video pubblicati dallo studio
Articoli 2000-2005
Articoli 2006-2008
Articoli 2009
Articoli 2010
Articoli 2011
Articoli 2013
Articoli 2014
Articoli 2015
Articoli 2016
Articoli 2017-18
Articoli 2019
Articoli 2020