Via Gavinana 6
21052 Busto Arsizio
Tel: 0331/634132
Fax: 0331/679422
C.f. CNDNRC65H21B300S
P.Iva: 01606100129

Pagina Principale
Lo staff
Materie Trattate
Chi siamo
Utilità - Iscrizioni - Area Riservata
Articoli anno 2012

Diritto di autore americano e software 3, 4 2012
Affidamento figli e litigiosit 30, 3 2012
Morte nonni e danno morale 19, 3 2012
Matrimoni e famiglie omosessuali 19, 3 2012
Casa coniugale, separazione e revoca della assegnazione 19, 2 2012
Abitabilit mancanza - vendita - prescrizione 17, 2 2012
Fotovoltaico, finanziamento e garanzie 16, 2 2012
1, 1 1970
hanno visto questa sezione:
visitatori dal 1 gennaio 2010
.

Affidamento figli e litigiosit



Negato laffidamento condiviso ai genitori incapaci di dialogare


La forte conflittualit tra due genitori separati, che non stabiliscono tra loro alcun dialogo, pu far venir meno l'affidamento condiviso della figlia nata dal matrimonio.
E quanto ha stabilito con una recente sentenza (n. 5108 /2012) la prima sezione civile della Corte di Cassazione respingendo il ricorso di un padre separato che chiedeva il ripristino dell'affidamento condiviso.
L'affidamento condiviso stabilito al momento della separazione era stato successivamente revocato e sostituito da un affidamento in via esclusiva alla madre cui era stato affidato anche l'esercizio esclusivo della potest genitoriale.
La mancanza di dialogo tra i due coniugi dopo la separazione, infatti, aveva avuto quale conseguenza quella di sottoporre la figlia a due turni a scuola, a due diverse attivit sportive e persino a due diete alimentari diverse, causando una grave alterazione della condizione psicologica della minore.
Ricorreva in Cassazione il padre separato tentando di dimostrare che l'affido esclusivo alla madre avrebbe dato vita ad atti di prevaricazione del genitore affidatario.
La Suprema Corte, ritenuto legittimo il provvedimento di revoca dell'affidamento ad entrambi i coniugi, ha respinto il ricorso valutando l'affido condiviso nocivo per la minore e possibile fonte di future patologie per la stessa, in quanto generante ansia, confusione e tensione e dunque irreprensibilmente concluso per la sussistenza di condizioni pregiudizievoli al suo interesse.
La mera conflittualit esistente tra coniugi - si legge nella sentenza - non preclude il ricorso al regime dell'affidamento condiviso solo se si mantenga nei limiti di un tollerabile disagio per la prole; la conflittualit tra genitori assume invece connotati ostativi alla relativa applicazione ove si esprima in forme atte ad alterare e a porre in serio pericolo l'equilibrio e lo sviluppo psico-fisico dei figli, e dunque tali da pregiudicare il loro superiore interesse.

Abogado Nicoletta Stagni - Avvocato stabilito


I video pubblicati dallo studio
Articoli 2000-2005
Articoli 2006-2008
Articoli 2009
Articoli 2010
Articoli 2011
Articoli 2013
Articoli 2014
Articoli 2015
Articoli 2016
Articoli 2017-18
Articoli 2019
Articoli 2020