Via Gavinana 6
21052 Busto Arsizio
Tel: 0331/634132
Fax: 0331/679422
C.f. CNDNRC65H21B300S
P.Iva: 01606100129

Pagina Principale
Lo staff
Materie Trattate
Chi siamo
Utilità - Iscrizioni - Area Riservata
Articoli anno 2014

Odori e rumori di animali: reato ! 8, 12 2014
Addebito separazione: foto ok come prova 14, 10 2014
Ex sfaticato ? gi l'assegno ! 13, 10 2014
Assicurazione: la validit del ^claim-made^ 13, 10 2014
Fisco: no presunzione prelievi = ricavi 13, 10 2014
Convivenza e diritti patrimoniali 26, 1 2014
hanno visto questa sezione:
visitatori dal 1 gennaio 2010
.

Addebito separazione: foto ok come prova



catta l'addebito a carico del coniuge fedifrago inchiodato dalle foto con l'amante.


La Corte di cassazione, con la sentenza 16172 del 15 luglio 2014, ha esaminato il caso di una moglie separata che si era vista addebitare la responsabilit per il naufragio matrimoniale per infedelt coniugale. La prova dell'infedelt consisteva nelel foto della donna assieme ad un altro uomo.

La prima sezione civile, in linea con la Corte d'appello di Venezia la cui sentenza era stata impugnata dalla donna, ha ritenuto corretta la pronuncia di addebito, visto che la donna aveva avuto una relazione sessuale con uomo diverso dal marito.
Le prove dell'infedelt consistevano in deposizioni testimoniali, corroborate dalle fotografie prodotte in giudizio che la ritraevano con l'altro uomo in atteggiamenti che la Corte di Venezia aveva definito sintomatiche si un'intensa e armoniosa
frequentazione, indicativa di uno speciale rapporto tra loro.
Insomma, provato il nesso tra la presunta relazione extraconiugale della donna e la crisi del matrimonio, e applicando il consolidato principio per cui l'infedelt rappresenta da s sola se causa d'addebito, accertato che la relazione rappresentava la causa della fine del rapporto coniugale, la Corte ha ritenuto di respingere le argomentazioni della donna secondo la quale il rapporto era gi compromesso sin da prima dell'inizio della relazione.
La Corte ha infatti chiarito che: grava sulla parte che richieda, per l'inosservanza dell'obbligo di fedelt, l'addebito della separazione all'altro coniuge l'onere di provare la relativa condotta e la sua efficacia causale nel rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza, mentre, onere di chi eccepisce l'inefficacia dei fatti posti a fondamento della domanda, e quindi dell'infedelt nella determinazione dell'intollerabilit della convivenza, provare le circostanze su cui l'eccezione si fonda, vale a dire l'anteriorit della crisi matrimoniale all'accertata infedelt.

Il principio, ampiamente consolidato, trova qui interessante applicazione mediante la conferma della efficacia probatoria delel fotografie ritraenti il coniuge infedele nel momento della 'commissione' dell'illecito.

Avvocato Enrico Candiani


I video pubblicati dallo studio
Articoli 2000-2005
Articoli 2006-2008
Articoli 2009
Articoli 2010
Articoli 2011
Articoli 2012
Articoli 2013
Articoli 2015
Articoli 2016
Articoli 2017-18
Articoli 2019
Articoli 2020