Via Gavinana 6
21052 Busto Arsizio
Tel: 0331/634132
Fax: 0331/679422
C.f. CNDNRC65H21B300S
P.Iva: 01606100129

Pagina Principale
Lo staff
Materie Trattate
Chi siamo
Utilità - Iscrizioni - Area Riservata
Articoli anni 2017-2018

Privacy e cloud: problemi e soluzioni 14, 12 2018
Salta il Jobs act: incostituzionale 11, 12 2018
Privacy: le sanzioni civili e penali 30, 11 2018
Gdpr: il registro di trattamento 19, 11 2018
Appalto – responsabilità da subappalto – indennità da ferie – non spetta 19, 10 2018
La nuova Privacy: un moloch sconosciuto 17, 3 2018
Condominio: morosi e distacco dei servizi 4, 12 2017
Spazi comuni condominiali e loro uso 1, 10 2017
Mantenimento dei figli 29, 9 2017
Antenna - posizionamento su proprietà altrui - limiti 14, 9 2017
Pubblicità porta a porta: no a divieti comunali 25, 7 2017
Divorzio: nuovi criteri per l'assegno 16, 7 2017
Intercettati i colloqui col difensore 19, 5 2017
Distacco dal riscaldamento condominiale 24, 3 2017
Competenza in materia di illeciti via internet 24, 3 2017
Zorro è protetto dal diritto d'autore fino al 2028 1, 1 1970
hanno visto questa sezione:
visitatori dal 1 gennaio 2010
.

Appalto – responsabilità da subappalto – indennità da ferie – non spetta



Non spetta all’appaltatore la responsabilità per mancato pagamento di indennità da ferie o festività non godute e non pagate dal subappaltatore ai propri dipendenti


Interessante pronuncia del Tribunale di Milano in materia di responsabilità solidale degli appaltatori con le obbligazioni dei subappaltatori.
In tale sede il Tribunale ha dichiarato che, fra i crediti oggetto di responsabilità solidale fra appaltatore e subappaltatore, non rientra l'indennità sostitutiva di ferie ed ex festività, in quanto tali voci non possono considerarsi 'trattamenti retributivi', di cui all'art. 29, comma 2, d.lgs. 10 settembre 2003 n. 276.
Trattasi di decisione conforme all’orientamento prevalente della stessa Suprema Corte di Cassazione, la quale ha più volte precisato che l'indennità sostitutiva delle ferie non fruite dal dipendente non ha natura retribuita e pertanto non rientra nei casi di responsabilità solidale fra appaltatore e subappaltatore di cui all’art. 29, comma 2, D.lgs. 276/2003.
Come è noto, l’art. 29, c. 2, D.Lgs 276/2003 stabilisce che il committente è obbligato in solido a corrispondere ai dipendenti dell’appaltatore le retribuzioni – fra cui anche le quote di trattamento di fine rapporto – nonché i contributi previdenziali ed assicurativi maturati durante lo svolgimento di attività rese dai dipendenti in ottemperanza al contratto di subappalto.
Nella sostanza, il committente, l’appaltatore ed il subappaltatore sono corresponsabili del pagamento degli stipendi e dei contributi dei lavoratori che concretamente hanno prestato la loro opera nell’ambito dell’appalto stesso: tutta la catena è pertanto parimenti tenuta a garantire i lavoratori.
Tuttavia, in caso di esercizio di tale diritto in capo ai lavoratori o agli enti previdenziali, la responsabilità di committenti e appaltatori principali è limitata al trattamento minimo, ossia, alla sola retribuzione base, e non ad eventuali maggiorazioni pattuite dall’ultimo anello della catena coi lavoratori.
Conformi ai principi qui espressi abbiamo: Cass. 19 maggio 2016, n. 10354, Cass. 11 settembre 2013, n. 20836; Cass. 9 luglio 2012, n. 11462, Cass. 11 maggio 2011, n. 10341; Cass. 8 luglio 2008, n. 18707). Poiché la Cassazione ha qualificato le indennità per mancata fruizione di ferie e festività non già come retribuzione ma come risarcimento, tali voci non rientrano nella previsione normativa sulla corresponsabilità solidale della catena di appaltatori.
Tribunale di Milano, sentenza del 6 settembre 2018, n. 2065.

Avv. Enrico Candiani


I video pubblicati dallo studio
Articoli 2000-2005
Articoli 2006-2008
Articoli 2009
Articoli 2010
Articoli 2011
Articoli 2012
Articoli 2013
Articoli 2014
Articoli 2015
Articoli 2016
Articoli 2019
Articoli 2020