Via Gavinana 6
21052 Busto Arsizio
Tel: 0331/634132
Fax: 0331/679422
C.f. CNDNRC65H21B300S
P.Iva: 01606100129

Pagina Principale
Lo staff
Materie Trattate
Chi siamo
Utilità - Iscrizioni - Area Riservata
Articoli anno 2014

Odori e rumori di animali: reato ! 8, 12 2014
Addebito separazione: foto ok come prova 14, 10 2014
Ex sfaticato ? gi l'assegno ! 13, 10 2014
Assicurazione: la validit del ^claim-made^ 13, 10 2014
Fisco: no presunzione prelievi = ricavi 13, 10 2014
Convivenza e diritti patrimoniali 26, 1 2014
hanno visto questa sezione:
visitatori dal 1 gennaio 2010
.

Fisco: no presunzione prelievi = ricavi



Non possono costituire presunzione sulla quale fondare gli accertamenti sul reddito da lavoro autonomo i prelevamenti effettuati dai propri conti correnti, in assenza della loro annotazione nelle scritture contabili o in mancanza dellindicazione dei beneficiari degli importi prelevati.


La Corte Costituzionale, con sentenza n. 228 del 24 settembre 2014, ha stabilito un principio che avr forti ripercussioni sugli accertamenti e sui contenziosi tributari dei professionisti/lavoratori autonomi.
La Corte ha dichiarato lillegittimit costituzionale dellart. 32, comma 1, n. 2), secondo periodo, del D.P.R. n. 600/1973, cos come modificato dallart. 1, comma 402, lettera a), n. 1), della legge n. 311/2004, limitatamente alle parole o compensi.
Secondo la normativa esaminata dalla Corte, i dati ed elementi attinenti ai rapporti ed alle operazioni acquisiti e rilevati rispettivamente a norma del numero 7) e dell'articolo 33, secondo e terzo comma, o acquisiti ai sensi dell'articolo 18, comma 3, lettera b), del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, sono posti a base dellerettifiche e degli accertamenti previsti dagli articoli 38, 39, 40 e 41 se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto per la determinazione del reddito soggetto ad imposta o che non hanno rilevanza allo stesso fine; alle stesse condizioni sono altres posti come ricavi o compensi a base delle stesse rettifiche ed accertamenti, se il contribuente non ne indica il soggetto beneficiario e semprech non risultino dalle scritture contabili, i prelevamenti o gli importi riscossi nell'ambito dei predetti rapporti od operazioni.
Antefatto
Con ordinanza del 10 giugn0 2013, la Commissione Tributaria Regionale del Lazio ha sollevato la questione di legittimit costituzionale dellart. 32, comma 1, n. 2), D.P.R. n. 600/1973.
Avanti la commissione regionale pendevano ricorsi avevrso alcuni avvisi di accertamento a mezzo i quali erano stati accertati maggiori compensi da lavoro autonomo (ai fini IRPEF ed IVA) per il periodo dimposta 2004. Gli accertamenti si basavano sulla presunzione contenuta nel predetto art. 32.
La commissione tributaria regionale sollevava dubbi di costituzionalit sulla locuzione o compensi inserita dalla legge n. 311/2004 (legge Finanziaria per lanno 2005), che aveva esteso anche ai lavoratori autonomi la presunzione - in precedenza valida solo per gli imprenditori - in base alla quale le somme prelevate dal conto corrente costituiscono compensi da assoggettare a tassazione se:
- non sono annotate nelle scritture contabili;
- non vengono individuati i loro beneficiari.
Secondo la predetta Commissione Tributaria, leventuale applicazione ai periodi in corso o retroattiva di tale modifica normativa risultava in contrasto con:
- lart. 24 Cost. (diritto di difesa), posto che il contribuente si troverebbe nella scomoda condizione di assolvere ad un onere probatorio pressoch impossibile;
- allart. 3, comma 2, legge n. 212/2000 (principio di tutela e affidamento del contribuente);
- lart. 111 Cost., in quanto con la legge n. 311/2004 sarebbero stati introdotti effetti a sorpresa a vantaggio dellAgenzia delle Entrate e a danno del contribuente, in violazione del principio di parit delle parti;
- art.53 Cost (principio della capacit contributiva), in quanto - diversamente da quanto normalmente avviene er l'imprenditore, non vi corrispondenza automatica fra prelevementi e investimenti nell'attivit professionale: il prelievo di denaro dal proprio conto corrente rappresenta un fatto oggettivamente estraneo allattivit di produzione del reddito professionale.
La decisione della Corte
Con la sentenza citata, la Corte Costituzionale ha ritenuto fondata la censura, dichiarando lillegittimit costituzionale della norma, limitatamente alle parole o compensi.
Secondo la Corte, fra le figure dellimprenditore e del lavoratore autonomo esistono delle specificit e differenze che fanno ritenere arbitraria lomogeneit di trattamento prevista dalla disposizione dichiarata incostituzionale.
Come gi aveva rilevato la COrte di Cassazione con sentenza n. 225/2005, mentre normale nell'aqttivit di impresa - anche in base a principi contabili - che la correlazione costi/ricavi dell'imprenditore richieda continui investimenti in beni e servizi in vista di futuri ricavi (e dunque a prelievi non giustificati si debbano far corrispondere ricavi non dichiarati), lo stesso principio non pu operare in danno del lavoratore autonomo.
Lattivit propria dei lavoratori autonomi si caratterizza per la preminenza dellapporto di lavoro personale, con struttura organizzativa in genere marginale.

La Corte Costituzionale rileva poi che la irragionevolezza della presunzione di cui al citato art. 32, comma 1, n. 2) D.P.R. n. 60071972, trova ulteriore conforto nel fatto che gli eventuali prelevamenti eseguiti dal lavoratore autonomo si inseriscono in un sistema di contabilit semplificata (di cui generalmente si avvale il lavoratore autonomo).

Pertanto la presunzione inserita dalla legge n. 311/2004 risultalesiva del principio di ragionevolezza nonch di quello della capacit contributiva, essendo arbitrario ipotizzare che i prelevamenti ingiustificati dai conti correnti effettuati dai lavoratori autonomi siano destinati o ad investimenti nellambito della propria sfera professionale o in quella personale.

Avvocato Enrico Candiani


I video pubblicati dallo studio
Articoli 2000-2005
Articoli 2006-2008
Articoli 2009
Articoli 2010
Articoli 2011
Articoli 2012
Articoli 2013
Articoli 2015
Articoli 2016
Articoli 2017-18
Articoli 2019
Articoli 2020