Via Gavinana 6
21052 Busto Arsizio
Tel: 0331/634132
Fax: 0331/679422
C.f. CNDNRC65H21B300S
P.Iva: 01606100129

Pagina Principale
Lo staff
Materie Trattate
Chi siamo
Utilità - Iscrizioni - Area Riservata
Articoli anno 2014

Odori e rumori di animali: reato ! 8, 12 2014
Addebito separazione: foto ok come prova 14, 10 2014
Ex sfaticato ? gi l'assegno ! 13, 10 2014
Assicurazione: la validit del ^claim-made^ 13, 10 2014
Fisco: no presunzione prelievi = ricavi 13, 10 2014
Convivenza e diritti patrimoniali 26, 1 2014
hanno visto questa sezione:
visitatori dal 1 gennaio 2010
.

Convivenza e diritti patrimoniali



La convivenza more uxorio idonea a generare obbligazioni naturali.No alla restituzione di quanto 'dato'.


La cosiddetta convivenza more uxorio (ossia: equiparabile nei fatti a quella matrimoniale), bench non disciplinata in via normativa, si sta sempre pi affermando come istituto di natura giurisprudenziale grazie agli interventi della Suprema Corte.
Con sentenza resa dalla prima sezione civile, numero 1277 del 22.1.2014, la Corte di Cassazione ha stabilito che la convivenza more uxorio - essendo basata su doveri morali e materali che i conviventi assumono mediante la scelta di convevere - idonea a generare obbligazioni naturali.
Il concetto di obbligazione naturale, ben noto, consiste in una forma, per cos dire, minore di diritto. Sostanzialmente, l'obbligazione naturale non viene tutelata appieno dall'ordinamento in quanto il titolare del relativo diritto non dispone della possibilit di far valere la propria pretesa in giudizio. Tuttavia, quando l'obbligazione naturale viene spontaneamente adempiuta, chi ha - appunto - adempiuto, non pu chiedere al beneficiario della prestazione la restituzione della stessa.
Come si vede, dunque, trattasi di caso del tutto diverso rispetto alle obbligazioni 'nulle'. In caso di nullit, infatti, chi ha eseguito la prestazione ha il diritto di ottenere in giudizio la restituzione della stessa, in quanto eseguita senza alcun valido diritto sottostante.
Nel caso dell'obbligazione naturale, invece, il diritto sottostante viene considerato valido anche se imperfetto, e quindi chi ha adempiuto non pu pretendere la restituzione.

Ecco dunque il caso esaminato dalla Corte.

Si trattava di valutare la richiesta di rendiconto avanzata da uno degli ex conviventi, il quale aveva versato all'altro convivente, in pi occasioni durante la convivenza stessa, somme di denaro a svariato titolo.

La disciplina della convivenza more uxorio stata individuata nel generale principio costituzionale di tutela delle libere associazioni di persone (art. 2 Cost.). Ritenendo che nella forma 'associativa' della convivenza, gli pseudo-coniugi assumono reciproci 'doveri materiali e morali', ne emerge che quanto gli stessi vicendevolmente si 'offrono' in pendenza della convivenza non possa e non debba venir restituito.

Il principio espresso dalla Corte dunque il seguente: 'eventuali contribuzioni di un convivente all'altro vanno intese, invero, come adempimenti che la coscienza sociale ritiene doverosi nell'ambito di un consolidato rapporto affettivo che non pu non implicare, pur senza la cogenza giuridica di cui all'art. 143, comma 2, Cc, forme di collaborazione, e di assistenza morale e materiale'.

Pertanto, stato escluso il diritto del 'prestatore' ad ottenere il rendiconto delle somme versate all'ex convivente.
Avvocato Enrico Candiani


I video pubblicati dallo studio
Articoli 2000-2005
Articoli 2006-2008
Articoli 2009
Articoli 2010
Articoli 2011
Articoli 2012
Articoli 2013
Articoli 2015
Articoli 2016
Articoli 2017-18
Articoli 2019
Articoli 2020